Come arredare una mansarda: Arredamento, illuminazione e clima

675
come arredare una mansarda

La mansarda è quella parte di casa che viene ricavata dal sottotetto e presenta dei punti in cui il soffitto è molto basso.

Oggigiorno le mansarde vengono sempre più adibite ad abitazione e se vengono utilizzati attenzione e gusto, il risultato può essere gratificante.

Un appartamento del genere, può dunque, risultare accogliente e romantico ma presenta, purtroppo, due svantaggi: il clima freddo e pungente d’inverno ed il caldo torrido d’estate, e lo spazio molto ridotto.

Bisogna, perciò, porre particolare attenzione alla disposizione dell’arredo, in quanto la mansarda è caratterizzata dall’avere altezze variabili: dalla massima data dal tetto, alla minima che si raggiunge percorrendo il perimetro. Quest’ultimo può, talvolta, ospitare la presenza di finestre; in caso contrario, queste possono trovarsi sul tetto.

arredare una mansarda

I primi passi chiave

Per decidere come arredare una mansarda occorre innanzitutto verificare gli spazi che si hanno a disposizione: data, infatti, l’altezza ridotta del soffitto in determinate aree, vi sarà, senza dubbio, meno spazio per suddividere la mansarda in diversi ambienti e per arredarla come un comune appartamento; per questo motivo è opportuno posizionare tutto metodicamente.

Se la mansarda dispone di un unico ambiente è consigliabile dividerlo con degli armadi in modo da recuperare molto spazio: sceglierli con le ante scorrevoli faciliterà la praticità di utilizzo e farà risparmiare spazio prezioso.

Per quanto riguarda la cucina, ed in particolar modo il piano cottura, è consigliato posizionarla nella parte più alta della stanza per evitare piccoli inconvenienti durante l’utilizzo della stessa.

Il letto può, invece, essere tranquillamente posizionato con la testata nella parte più bassa della stanza facendo attenzione a calcolare una distanza sufficiente ad alzarsi dal letto senza toccare il soffitto con la testa (circa 190 cm).

È consigliato utilizzare al meglio tutti gli spazi bassi posizionando piccoli armadi oppure scatole porta oggetti. È possibile posizionare in queste zone anche il divano dato che quando si è seduti si ha bisogno di uno spazio minore, creando dunque delle conviviali e particolari zone relax.

Spesso la parte alta delle mansarde può raggiungere perfino i cinque metri; per questo motivo è consigliabile sfruttare al meglio anche questo spazio: non è desueto costruire, in queste zone, un soppalco dove posizionare un letto basso, creando così una camera da letto molto particolare.

 

Il risparmio dello spazio e la scelta del colore

Una delle soluzioni migliori per la salvaguardia dello spazio di una mansarda, può esser quella di far costruire dei mobili su misura da inserire fino in fondo allo spazio disponibile, come ad esempio nella zona di gronda più bassa, studiando la posizione dei mobili in modo che si possano disporre sfruttando lo spazio orizzontale più che quello verticale.

A ciò si può, anche, abbinare l’utilizzo di mobili contenitori generalmente molto bassi e lunghi, da posizionare in piccole o grandi zone vuote della mansarda e ideali per contenere qualsiasi cosa.

Importante, però, risulta anche la scelta relativa al colore con cui si intende arredare la mansarda, e dunque al tono che si vuole dare all’abitazione.

Ma la colorazione dei mobili non è di certo sufficiente a definire il carattere dell’ambiente.

È, infatti, necessario occuparsi sia delle pareti che del soffitto, in quanto incombente sulle pareti in maniera più diretta rispetto ad una normale abitazione.

Se la mansarda è piccola, è consigliato, dunque, scegliere lo stesso colore sia per le pareti che per il soffitto, in modo tale da farla risultare otticamente più ampia e omogenea. Analogamente è preferibile utilizzare colori chiari o tonalità neutre per donare luminosità all’ambiente.

Un distacco troppo grande tra pareti e soffitto o la scelta di due tonalità diverse, farebbero sembrare la mansarda più bassa e più piccola, e per le stesse motivazioni si consigliano mobili che abbiano delle sfumature cromatiche molto chiare.

 

L’arredamento delle diverse zone

La zona giorno è un ambiente complicato da arredare, causa principale la cucina, la quale deve essere uno spazio comodo e ben organizzato. Per tale motivo è opportuno, in questi casi, disporre dei mobili molto bassi ad angolo o ancora meglio su misura, in modo tale da adattarsi alla perfezione.

Un angolo adiacente alla cucina può essere poi adibito a salotto, e se questo si trova nella zona di gronda si può facilmente trasformare in un angolo relax, munito di divani e poltrone basse, o anche utilizzando tappeti e cuscini.

In ogni caso è consigliato posizionare il divano o il tavolo da pranzo nella zona maggiormente luminosa dell’ambiente, in modo da rendere queste aree quelle dedicate al giorno.

Nella zona notte, invece, la disposizione degli arredi è più logica e funzionale: nella parte bassa può essere posizionato il letto, mentre nell’area crescente attigua al muro, gli armadi.

La scelta migliore sarebbe un armadio a muro che va a crescere con l’altezza del tetto, seguendone l’andamento.

Se si intende, però, arredare una cameretta per bambini, la scelta più adatta potrebbe essere la disposizione di un letto a castello nella parte più alta della stanza in modo tale da avere la parte bassa libera, trasformandola magari in una funzionale area gioco.

Per quanto riguarda, poi, la zona bagno, essa deve risultare, prima di tutto funzionale, e se mansardata, ci si assicura che i punti del bagno in cui è possibile stare in piedi, siano dedicati alle attività che non si possono fare in altro modo, come lavarsi i denti o radersi.

Per questo motivo, il lavabo deve essere posizionato sul muro più alto e bisogna sfruttare lo spazio in profondità e non in altezza. Per lo stesso motivo è preferibile una vasca di grandi dimensioni, magari anche con idromassaggio, rispetto ad una doccia.

Mobiletti piccoli, contenuti, capienti ed eleganti, sanitari sospesi e pareti dai colori chiari sono le scelte più giuste.

Inoltre, in un bagno di questo tipo, è fondamentale puntare su colori caldi e tonalità pastello, il bianco, il rosa chiaro, il giallo paglierino, nuance capaci di dilatare lo spazio e dare più respiro alla stanza. Meglio optare per una verniciatura uniforme, ovvero a tutta altezza, poiché in questo modo le pareti sembreranno più alte.

 

Illuminazione e clima

Per usufruire al meglio di luce e calore o di ombra e fresco nelle varie stagioni dell’anno, è necessario possedere oltre a buone finestre e lucernari, anche buone coperture per gli stessi; se la mansarda non è, infatti, molto illuminata è bene provvedere, soprattutto per quanto riguarda gli spazi più bassi.

La questione climatica, è invece facilmente risolvibile grazie ad un impianto di climatizzazione, integrato, possibilmente, con una soluzione di isolamento termico.

  • Visita la nostra sezione dedicata alle IDEE ARREDO CLICCA QUI

Ti suggeriamo queste letture

La cameretta ideale, dal fiabesco al vivace

Progettare la cameretta in mansarda

Spazio e stile, scegli l’armadio giusto

Camerette a soppalco: 5 caratteristiche importanti

Arredamenti tradizionali per la casa: I vari stili

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere