Le porte filo muro, vantaggi, vincoli e segreti

107
porte filo muro garofoli
Garofoli.it

Con le porte filo muro si ottiene un risultato estetico molto particolare e molto richiesto.

Esteticamente le porte filo muro si caratterizzano per l’assenza di telaio e coprifilo, con le cerniere a scomparsa. L’effetto è quello di un’anta ritagliata direttamente nel muro.

Essenziali eppure versatili, oggi sono fra le porte più consigliate dagli architetti. Le porte filo muro sono infatti duttili e scenografiche: possono essere rifinite come la parete, mimetizzandosi completamente, rivisitando in chiave moderna il fascino delle antiche porte che nascondevano passaggi segreti, oppure possono stagliarsi in modo netto con una note di colore, una decorazione originale, un contrasto nettissimo.

porte filo muro
Garofoli.it

Il segreto delle porte filo muro

Il segreto di questa possibilità sta tutto nelle cerniere a scomparsa regolabili, che favoriscono un’ideale calibrazione della luce del vano e nel particolare telaio d’alluminio, la vera anima di questi modelli, che permettono l’installazione “nuda”.

La serratura magnetica garantisce una chiusura perfetta, ma la scelta di porte filo muro comporta interventi sulla muratura – potrebbero quindi non essere alla portata di tutti.

Vantaggi e vincoli delle porte filo muro

Senza cornice, la parete è più libera e si guadagnano centimetri preziosi. L’estetica dell’anta nelle porte filo muro può essere messa ben in luce, oppure quando invece la porta è rifinita come la parete, fino a confondersi, lo spazio sembra ampliarsi.

In genere il prezzo per una porta filo muro è elevato, ma ci sono anche modelli low cost.

Come si installano le porte filo muro

Nell’anta battente, falso telaio e telaio sono un unico elemento: al vano porta viene applicato direttamente un solo profilo in metallo, che cambia a seconda che le pareti siano in muratura o cartongesso.

Talvolta il telaio è pre-intonacato, modellato per essere poi stuccato quando si tratta di divisori in cartongesso. La finitura delle pareti cela poi il tutto, e nulla risulta a vista. Alla cornice così mimetizzata viene agganciato il battente tramite cerniere a scomparsa.

Quando la porta è scorrevole interno muro, si usa invece un controtelaio dedicato senza cornice e coprifilo, differenziato secondo il tipo di muro. Quando deve essere rifinita come i muri, l’anta viene fornita grezza – con una mano di primer che favorisce la tinteggiatura o il rivestimento con carta da parati in opera.

Porte filo muro: anche angolari

Un particolare modello filo muro offre la possibilità di essere installato in corrispondenza dell’angolo formato da due pareti. Il vantaggio è quello di avere un passaggio ampio quando la porta è aperta, pur avendo una luce netta inferiore.

Questa porta si caratterizza per la sezione orizzontale a L sia del telaio sia del pannello, tanto da creare un serramento innovativo e originale oltre che risolutivo.

Abbinare porte e maniglie

La qualità, negli anni, fa la differenza, mentre il design incide sull’estetica della porta. Le maniglie sono in genere costruite in metallo, anche con inserti e materiali diversi e personalizzabili a richiesta.

Tutto dipende dallo stile del serramento e della casa: linee stilizzate, valorizzate dalle finiture acciaio cromo, sono adatte per ante moderne, colorate o decorate con texture effetto tessuto.

Sagome elaborate e nelle finiture di tendenza stanno bene su porte essenziali, lisce e bianche. Mentre sulle porte in legno delle maniglie color ottone sono ottime per uno stile classico, l’acciaio cromato per uno stile più contemporaneo.

Resta informato su IDEE ARREDO CLICCA QUI

Ti suggeriamo queste letture

Le porte blindate Dierre

Porte per interni: La scelta giusta

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 VOTI, MEDIA: 3,00 SU 5)
Loading...
Condividere