Traslochi: occorre mettere tutto in chiaro subito per evitare sorprese

52
preventivo traslochi

Il trasloco è un evento che può rivelarsi traumatico, soprattutto quando lo si affronta per la prima volta. Proprio per cercare di limitare lo stress che può conseguirne, sarebbe quindi il caso di mettere in atto una serie di accorgimenti in grado di spianare la strada alle operazioni ed evitare pericolosi intoppi che possono infine scatenare il nervosismo nelle persone coinvolte.

Il primo di questi accorgimenti è proprio quello di reperire una ditta di traslochi seria, in grado di garantire il massimo di trasparenza in ogni momento del rapporto che si andrà ad instaurare.

preventivo traslochi

L’importanza del preventivo

Quando si deve operare un trasloco, la prima scelta da fare è quella tra fai da te e un impresa di traslochi professionale. Se le cose da spostare non sono molte si può pensare di fare tutto in proprio, ma l’ipotesi contraria non può che condurre alla scelta di una ditta di traslochi in grado di garantire un servizio di livello.

A questo punto, quindi, scatta la ricerca dell’impresa in grado di garantire un elevato rapporto tra la qualità del servizio prestato e il prezzo richiesto, non senza prima aver scartato l’ipotesi di ricorrere ad una delle cosiddette imprese della domenica, ovvero quelle che svolgono traslochi senza rilasciare fattura.

Si tratta di aziende che svolgono traslochi nei ritagli di tempo, con mezzi inadeguati e che non posseggono il know-how adeguato per dare sufficienti garanzie. Affidare ad esse le proprie cose può addirittura rivelarsi una Caporetto, sotto forma di danni e lavorazioni svolte in maniera assolutamente inadeguata.

Il modo migliore per reperire una ditta di traslochi efficiente e seria, è considerato all’unanimità il preventivo, ovvero il documento che viene rilasciato dalle imprese consultate contenente non solo l’onorario richiesto, ma anche le lavorazioni garantite in cambio.

Per poterlo essere effettivamente, però, esso deve rispettare alcuni requisiti di base. Andiamo a vedere quali.

Cosa deve essere presente nel preventivo traslochi

Come abbiamo già ricordato, nel preventivo la ditta di traslochi precisa le sue richieste e le prestazioni assicurate in cambio.

Questo è già un primo punto dirimente, in quanto proprio le voci di costo che compongono il prezzo finale permettono al richiedente di raffrontare i vari documenti pervenuti e capire quale sia effettivamente il più conveniente.

Può infatti accadere che un preventivo sia notevolmente più basso in quanto non prevede il rimontaggio della cucina oppure ulteriori prestazioni che potrebbero comportare il ricorso ad altri specialisti, con conseguente aggravio del conto finale.

Anche la tempistica deve essere oggetto di grande attenzione: la scelta anticipata della data, infatti, dovrebbe assicurare al cliente uno sconto abbastanza consistente, in quanto permette alla ditta di programmare il tutto con largo anticipo, ottimizzando il suo tempo grazie all’armonizzazione dell’attività che può conseguirne.

Infine, attenzione alla presenza di una dicitura recante la garanzia che il prezzo stabilito non sarà ritoccato, se non previo accordo tra le parti.

Non è raro il caso in cui l’impresa all’ultimo momento accampi improvvisi pretesti, ad esempio la mancanza di spazi adeguati per il parcheggio del mezzo impiegato o la necessità di ricorrere a rampe, per richiedere una cifra aggiuntiva.

La presenza di una dicitura al riguardo consente di evitare comportamenti di questo genere e deve quindi essere richiesta all’impresa consultata.

Vuoi conoscere quanto costa un trasloco nella tua città? CLICCA QUI

Ti suggeriamo queste letture prima di chiedere un preventivo per traslocare

Organizzare il trasloco: Fornitura di materiale e pianificazione

Quanto costa un trasloco? Guida per calcolare il prezzo

Traslochi casa da programmare con largo anticipo

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere