Pannelli solari termici: Come risparmiare sulle bollette per il riscaldamento

144
Pannelli solari termici

Negli ultimi anni la corsa alla dotazione della propria abitazione di pannelli solari è stata senza sosta.

Moltissimi hanno, infatti, installato pannelli fotovoltaici sui tetti delle proprie case per ammortizzare le spese della bolletta elettrica, o, se si è più fortunati, di abbattere completamente i costi e addirittura rivendere l’energia elettrica prodotta.

I pannelli solari però, sono tendenzialmente di due tipi: fotovoltaici, appunto, e termici.

I primi permettono di convertire l’energia solare in elettrica, mentre i secondi convertono l’energia solare in energia termica.

Accoppiata vincente, quindi, che permette di tagliare i costi della bolletta elettrica e del gas.

Gli impianti solari termici permettono essenzialmente due cose:

  • Avere acqua calda per il sistema idrico sanitario di casa;
  • Avere acqua calda per il sistema di riscaldamento.

Pannelli solari termici

COME FUNZIONANO I PANNELLI SOLARI TERMICI?

I pannelli solari termici hanno un funzionamento assai più semplice rispetto a quelli fotovoltaici.

La superficie piana ha il compito di catturare la luce e il calore solare. Questo calore, che può arrivare anche a 90 gradi, viene fatto circolare, tramite delle condotte, presso un serbatoio di accumulo, dove c’è l’acqua vera e propria che verrà utilizzata successivamente.

D’estate e d’inverno

I pannelli solari termici danno il meglio in estate, col sole battente e con temperature più elevate, ma anche d’inverno il potere del sole non è affatto da sottovalutare.

Infatti anche d’inverno i pannelli solari termici riescono a garantire una temperatura dell’acqua compresa tra i 35 °C e i 45 °C, che può essere utilizzata per il riscaldamento domestico dell’acqua.

Sebbene d’estate basti semplicemente l’impianto solare termico, spesso può capitare che d’inverno sia necessario compensare lo sforzo con un impianto tradizionale a caldaia. I costi saranno comunque assai inferiori rispetto all’utilizzo del solo impianto a caldaia.

Tipologie e convenienza dei pannelli solari termici

Ci sono due tipi di impianto solare termico, la loro scelta viene dettata dalla tipologia di tetto e dalla quantità di spazio utile per l’installazione dell’impianto stesso.

Impianti a circolazione forzata: Sono concepiti per plessi abitativi con famiglie abbastanza numerose, 3 o più. Può essere installato ovunque.

Impianto a circolazione naturale: è concepito per famiglie di piccole o medie dimensioni, il circolo d’acqua calda viene influenzato dall’uso della stessa, e permette l’installazione in spazi ristretti come un sottotetto.

I PANNELLI SOLARI TERMICI DURANO DI PIÙ DEI PANNELLI FOTOVOLTAICI?

Mediamente un pannello fotovoltaico moderno dura tra i 10 e i 15 anni, mentre un pannello fotovoltaico termico riesce ad avere una vita superiore ai 20 anni, se la qualità dei materiali e dell’installazione lo consentono.

Ovviamente tutto ciò viene calcolato anche escludendo eventuali danni ambientali. È opportuno tenere conto di possibili grandinate capaci di danneggiare i pannelli, così come animali o detriti. Anche la sabbia e la polvere in generale possono influire molto sulla durata effettiva dei pannelli. Oltre a ridurre di molto l’efficienza energetica, il pulviscolo potrebbe, in via del tutto eccezionale, danneggiare componenti dell’impianto, se non installato correttamente.

È bene quindi prevedere interventi di manutenzione ordinaria per mantenere un rendimento ottimale.

In caso di guasti, gli impianti solari termici hanno una garanzia di 5 anni.

COSTI DI UN IMPIANTO SOLARE TERMICO

Proprio come per i pannelli fotovoltaici, più spazio si dispone per i pannelli solari termici, meglio è. Sia per una migliore efficienza, sia perché si riduce, anche sensibilmente, il costo per metro quadro.

I costi variano dai 550 euro fino ad arrivare ai 1500 euro al metro quadro.

L’ammortizzamento delle spese va dai tre agli otto anni, a seconda della zona dove viene installata. Al sud, ovviamente, ci vorrà meno.

Solitamente c’è anche la possibilità di godere del diritto di incentivi regionali o comunali, che permette di pagare solo il 10 percento di iva, contro il 20 percento del fotovoltaico.

Cosa prevede la legge sui pannelli solari termici

La legge italiana ci impone di presentare, presso il comune della nostra città, una DIA, ovvero una dichiarazione di inizio attività. É opportuno presentare la dichiarazione almeno 30 giorni prima dall’inizio dei lavori, in modo da consentire al comune di emanare eventuali comunicazioni circa la contrarietà sui lavori.

Discorso più complicato se l’edificio fa parte del centro storico o per i quali vigono vincoli storico-paesaggistici o artistici.

In questo caso, oltre alla DIA si presenta anche una comunicazione alla Soprintendenza ai Beni Culturali e Architettonici. I tempi da rispettare passano da 30 a 60 giorni.

Ti suggeriamo queste letture

Accumulatori Fotovoltaici

Impianto geotermico

Perchè scegliere un impianto fotovoltaico

Installare solare termico con pannelli sottovuoto

Resta informato sulle rinnovabili CLICCA QUI

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere