Colesterolo cattivo, occorre informarsi meglio

78
colesterolo cattivo

Statistiche fuorvianti, esclusione di prove infruttuose e l’ignorare numerose osservazioni contraddittorie sono alla base di un’ipotesi di mezzo secolo che potrebbe essere del tutto errata, afferma una nuova ricerca. Si tratta di una ricerca sui reali effetti negativi del colesterolo cosiddetto “cattivo”.

La salute del cuore potrebbe non avere molto a che fare con i livelli di colesterolo.

Nel caso del colesterolo buono o cattivo, le cose sono meno chiare di quanto vorremmo che fossero.

Un numero crescente di studi suggerisce che il colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL), o il tipo “buono”, potrebbe non essere così buono dopo tutto.

Un recente studio ha riscontrato un’associazione inquietante tra il colesterolo HDL e la mortalità negli uomini.

Un altro studio dichiara che i livelli di colesterolo HDL erano correlati con un rischio maggiore di malattie cardiache tra le donne.

Ora, una nuova ricerca ha fatto luce sulla luce critica delle lipoproteine ​​”cattive” o a bassa densità (LDL), colesterolo.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Expert Review of Clinical Pharmacology.

Perché il colesterolo alto LDL non è (l’unico) colpevole

Il dottor Ravnskov e il suo team hanno iniziato con il criterio del filosofo Karl Popper per la falsificabilità delle affermazioni scientifiche, secondo una teoria scientifica non può mai essere dimostrato vero, ma può essere dimostrato che è falso.

Quindi, hanno deciso di vedere se l’ipotesi del colesterolo cattivo potesse essere falsificata.

L’ipotesi che il colesterolo alto LDL sia la principale causa di malattie cardiache non è valida, a causa di persone con bassi livelli

“La solita argomentazione a sostegno dell’ipotesi lipidica”, continuano, “è che numerosi studi su giovani e persone di mezza età hanno dimostrato che alti livelli di colesterolo totale o LDL predicono il futuro CVD”.

“Questo è corretto, ma l’associazione non è la stessa della causalità”, scrivono gli scienziati. Non solo gli studi non sono in grado di dimostrare la causalità, ma anche i metodi statistici sono imperfetti, dicono.

Gli autori continuano a indicare una serie di altre potenziali cause di CVD che le recensioni analizzate non hanno tenuto conto, come stress mentale, infiammazione e infezioni.

Dr. Ravnskov e colleghi concludono:

“La nostra ricerca di falsificazioni dell’ipotesi del colesterolo conferma che non è in grado di soddisfare nessuno dei criteri di causalità di Bradford Hill e che le conclusioni delle tre revisioni si basano su statistiche fuorvianti, l’esclusione di prove senza esito positivo e ignorando numerose osservazioni contraddittorie “.

Colesterolo cattivo: Occorre informarsi meglio

Il co-autore dello studio, il Prof. David Diamond, dell’Università della Florida meridionale di Tampa, commenta i risultati, dicendo: “Ci sono stati decenni di ricerche progettate per ingannare il pubblico e i medici nel credere che LDL causi malattie cardiache, quando in realtà , non lo fa. ”

“La ricerca che ha preso di mira LDL è terribilmente imperfetta”, continua spiegando. “Non solo c’è una mancanza di prove del legame causale tra LDL e malattie cardiache, ma l’approccio statistico che i sostenitori delle statine hanno usato per dimostrare che i benefici sono stati ingannevoli”.

I ricercatori mirano a “condividere queste informazioni con le persone, in modo che possano prendere una decisione informata quando stanno prendendo in considerazione l’assunzione di farmaci per abbassare il colesterolo”.

Nel documento, gli autori rivelano che il Dr. Ravnskov – insieme ad alcuni altri coautori – hanno precedentemente pubblicato libri che criticano l’idea che il colesterolo LDL causi malattie cardiache.

Il Dr. Ravnskov è il direttore dell’International Network of Cholesterol Skeptics e nel 2007 gli è stato assegnato il Premio Leo-Huss-Walin per il pensiero indipendente.

Segui la Nostra Sezione su Salute e Benessere CLICCA QUI

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere