Il grunge non è solo rumore

314
stile grunge

Gli anni novanta furono un periodo ricco di novità, caratterizzato da costanti rivoluzioni culturali; sull’onda di quel decennio, fra l’affermarsi dell’edilizia privata e la graduale sfocatura degli ormai superati e obsoleti stili vintage, s’affermo, assieme ad ulteriori correnti musicali, il grunge, talvolta chiamato anche Seattle Sound: con “grunge”, infatti, s’intende un genere di musica rock, in particolare di alternative rock, nato e sviluppatosi nella capitale dello Stato di Washington, ossia Seattle, negli Stati Uniti d’America, a partire dalla seconda metà degli anni ottanta, fino ad arrivare alla prima metà degli anni novanta. Seattle rappresentava, a quei tempi, il terreno maggiormente fertile per la crescita di una nuova corrente estetica che affondava le sue radici nelle sinfonie di nicchia.

Definire il grunge non è semplice

Non è mai stato ben chiaro se il grunge fosse solo un genere musicale o, per lo più, una parola, un termine, con cui sarebbe potuto essere possibile – o sia possibile ad oggi – classificare certi cataloghi di gruppi estetici, artistici e culturali: dal punto di vista dell’analisi musicale, come suggeriscono molte riviste di musica di quegli anni, alla natura viene associata la predisposizione dei gruppi della solare città di Seattle al formare band ibride con componenti appartenenti a diverse formazioni musicali, arrivando addirittura a partecipare a più gruppi musicali contemporaneamente, dando vita ad una sorta di fenomeno di “presta artista”: esteticamente, questo concetto può essere riapplicato per l’arredamento, per la ristrutturazione, e in generale per il mondo dell’edilizia e dell’arte casalinga.

Arredare la casa in stile Grunge

Caratteristiche estetiche del grunge

Definita da alcuni come un’arte sporca per via della sua eccessiva pulizia, il termine grunge si ritiene derivi dall’aggettivo anglosassone grungy, nato circa nel 1965 come slang di dirty o filty, ossia “sporco, malsano”. Come già precedentemente accennato, il grunge non può rientrare esclusivamente nei termini musicali della corrente, proprio per la mancanza di un’unità stilistica fra i numerosi gruppi che ci concorsero. Declinando stili che spaziano fra l’Heavy Metal, l’Hard Rock e il Punk Rock, il Seattle Sound crea una spaccatura piuttosto evidente con il rock degli anni 80 e 90. Sintetizzatori e tastiere vengono a meno, rinunciati a favore di strumentazione semplice e d’impatto, come il basso, la chitarra e la batteria. Il suono venne riscoperto in funzione di un completo rifiuto dell’accettabile, e non solo nel suono, ma anche nella deriva estetica che caratterizzò gli Stati Uniti nell’ultimo decennio prima del nuovo millennio.

il grunge nell’arredamento

Il grunge nell’arredamento

La corrente del Seattle Sound affonda le proprie radici nella società perversa e rivoluzionaria dell’America nord-occidentale, cioè lo Stato federale di Washington, caratterizzata in quel periodo da problemi difficili come la povertà, la disoccupazione, la piaga della droga, della criminalità individuale e organizzata: sotto questo aspetto, l’arredamento del grunge è povero, in cui la semplicità, l’austerità, il minimalismo regnano sovrani e in cui l’imprecisione è padrona. Un modello di arredamento potrebbe essere, d esempio, un salone assente da alcun apparecchio elettronico come delle televisioni, o divani e poltrone semplici in monotinte, quadri che rimandano agli Stati Uniti degli anni 90 e giradischi per vinili.

Articoli Correlati



(COSA NE PENSI DI QUEST'ARTICOLO? DAI IL TUO VOTO!!!)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
Condividere