Come curare le piante grasse d’estate

105

Arriva il caldo e le nostre amate piante succulente cercano un po’ di sole estivo. È giunto il momento di spostarle all’aperto.

Una delle più diffuse credenze popolari è che le piante grasse non possano essere coltivate d’estate. Nulla di più sbagliato, visto che le piante grasse si adattano benissimo ai nostri climi mediterranei.

D’estate avranno semplicemente bisogno di qualche accortezza in più, specialmente se le tieni in casa.

Le piante grasse vengono scelte sempre di più dagli Italiani perché hanno bisogno di poche cure e spesso hanno delle infiorescenze veramente belle. Ma dove tenerle?

Se si ha a disposizione un giardino, è il posto ideale. Ma anche una finestra o un balcone riescono ad andare bene. Basta disporre le nostre succulente in una postazione molto luminosa.

Come curare le piante grasse

Come pulire le piante succulente

Le piante grasse sono famose per cavarsela da sole, senza troppe cure da parte dell’uomo. Occorre però attenzionare la pulizia delle piante grasse.

Sembrerà ridicolo, ma ogni tanto vanno spolverate. Ebbene sì, perché ricordiamoci che le piante, anche quelle succulente, sono come dei pannelli solari. Se sono impolverate non potranno attivare la fotosintesi, e quindi rimangono senza energia.

Per pulire le piante grasse non occorre nulla di particolare: un panno morbido leggermente umido, un pennello o qualcosa capace di soffiare via la polvere e… fine.

Con cura togliamo la polvere dalla superficie delle foglie, usiamo il phon per raggiungere meglio tutta la superficie, se la nostra pianta grassa ha molte foglie, ad esempio, e procediamo ad asciugarla con un getto d’aria fredda. Non impostare un getto troppo forte, altrimenti rischi di causare lesioni sulle foglie della pianta.

Piante succulente in estate

In estate le nostre amate succulente hanno bisogno di essere esposte maggiormente al sole e di ricevere di tanto in tanto qualche goccia d’acqua.

Ricordatevi di rimuovere fiori e foglie appassite, perché potrebbero portare a malattie. Non usate forbici in questa fase, staccate tutto con delicatezza con le mani.

Se notate dei funghi o una parte malata della pianta, rimuovete immediatamente quella parte. In questo caso è opportuno usare delle forbici sterilizzate e ben affilate. Ricordatevi di sterilizzare le lame sia prima che dopo l’utilizzo.

Quando far bere le nostre piante grasse

In inverno le nostre succulente hanno poco bisogno d’acqua. D’estate si irrigano massimo una volta a settimana. In caso di ambienti particolarmente secchi o deumidificati, due volte a settimana.

Non dare mai acqua direttamente sulla pianta, ma bagnate il terreno della pianta stessa. Fatelo solo quando è perfettamente asciutto.

Se l’acqua di casa tua è troppo calcarea, potresti preferire dell’acqua demineralizzata arricchita di minerali specifici per piante grasse.

Concime per piante succulente

Concimare le piante grasse, solitamente, non è necessario, salvo casi particolari, come la coltura intensiva, il recupero dopo una malattia o facilitare la crescita in ambienti ostili.

Un concime per piante succulente solitamente deve essere ricco di potassio e fosforo, e povero di azoto. Non deve mancare Boro, Rame e Ferro. In genere si trovano nutrienti con anche Manganese, Molibdeno e Zinco, tutti dosati.

Questi nutrienti sono fondamentali nel caso in cui l’irrigazione della pianta avvenga con acqua distillata o demineralizzata.

  • Resta informato sul mondo del GIARDINAGGIO CLICCA QUI

Ti suggeriamo queste letture

Come comporre un mini giardino di crassule

Tour nei giardini esotici delle piante grasse

Rosa del deserto, oleandro del madagascar

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere