Arredamento punk e tutto quello che c’è da sapere

632
style punk

Siamo nel Regno Unito del ventesimo secolo; sono gli anni settanta, precisamente la prima metà del decennio, e, parallelamente a ciò che succede nelle principali città degli Stati Uniti d’America, come Los Angeles, Seattle, Washington, New York, San Francisco e Austin, si è al cospetto di una rivoluzione estetica, musicale e culturale; mentre nello stato sovrano inglese spiccano metropoli come Londra e Liverpool, la formazione di una potente subcultura, che affonda le proprie radici nell’Hard Rock, nel Garage Rock e nel Rock & Roll, domina tutti i giornali e diviene lo standard per la musica, la letteratura, spaziando dalle arti visive alla moda.

arredamento punk

Le origini della cultura punk

Per essere precisi, ciò che diede origine alla cultura punk è la sua corrente musicale: nata ed emersa nei primi anni settanta nella costa orientale degli Stati Uniti, in particolare a Detroit, il movimento non era conosciuto come punk rock, poiché la terminologia nacque diversi anni dopo; sta di fatto che l’essenza grezza e diretta, rispetto ad altri generi di rock, gli diedero una spinta senza precedenti che si tradusse nella creazione di band musicali come i The Stooges, gli MC5, i New York Dolls, i Television e le Talking Heads.

Fra il 1975 e il 1982 esplose il fenomeno anche nel Regno Unito e, più specificamente, in Gran Bretagna: numerose boy-band e gruppi misti, come i 101’ers, i Roxy Music, i The Who, ma anche cantanti solisti come il famosissimo David Bowie, iniziarono a militare nell’ambito del neonato movimento.

Corrente affine al punk fu quella degli skinhead, tramite i quali cominciò a riemergere l’ondata di punk rock in Gran Bretagna.  L’ideologia alla base del punk, ossia la sua unica corrente di pensiero, è mutata nel corso del tempo: il movimento si è gradualmente suddiviso in un’infinità di diverse classificazioni, che vanno dall’anarchismo al comunismo, fino al neo-nazismo e neo-fascismo, oppure alla mera e neutra apoliticità. In ogni caso, ad unire tutti questi movimenti sparsi, fra cui i Punk 77, lo Street Punk e il Nazi-Punk, è l’idea comune che giace nella causa del rifiuto verso qualsiasi forma di controllo, tra cui il controllo sociale operato dai mass media, come le testate giornalistiche, le reti televisive e le stazioni radiofoniche, e dalle organizzazioni religiose, come la chiesa cattolica. A questo punto sarebbe naturale chiedersi in che modo il punk e le sue subculture si inseriscono nel mondo dell’edilizia e dell’arredamento.

arredamento stile punk

Un esempio di arredamento punk

Com’è possibile arredare una stanza in stile punk? Quali sono i modi migliori per attrezzare uno spazio libero per rispecchiare i canoni e gli stili delle subculture del movimento? Un esempio potrebbe essere quello di un salotto: tavolini con borchie e spuntini; specchi con cornici a forma di cintura, testiere al letto a forma di grandi teschi: tantissime sono le soluzioni possibili, e fra le proposte non manca il massiccio uso della bandiera inglese, la Union Jack, e l’utilizzo di poltroncine con graffiti, teschi sghignazzanti, credenze full-black e sontuosi letti con lampade e sculture.

Articoli Correlati



(COSA NE PENSI DI QUEST'ARTICOLO? DAI IL TUO VOTO!!!)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
Condividere