Ammortamento del mutuo in pochi semplici passi

271
Ammortamento Mutuo

Il piano di ammortamento del mutuo è volto alla restituzione del capitale prestato dall’ente agevolante, per esempio la banca, sommati agli interessi dovuti in base agli indici di tasso fisso o agli indici di tasso variabile. Il capitale è maturato dalla banca e al suo interno sono stabiliti, in ordine: l’importo di ciascuna rata versata o da versare, ossia sia il capitale che gli interessi; la data entro la quale l’intera liquidità del suddetto debito dev’essere estinta e restituita; la periodicità di ogni rata considerata, che sia mensile, trimestrale, semestrale o così via; i criteri per valutare l’ammontare di ogni singola rata e, infine, il debito residuo alla fine dei conti.

I piani d’ammortamento, essenzialmente, sono composti da due fattori principali: la quota capitale e la quota d’interessi. Con “quota capitale”, s’intende l’ammontare del denaro prestato dall’ente agevolante, ad esempio la banca, in rapporto al periodo selezionato dalla rateizzazione. Invece, la “quota di interessi”, è costituita da tutti quegli interessi che sono dovuti alla banca per il prestito del capitale.

La suddetta quota è piuttosto dinamica e varia per ogni rata poiché la quota d’interesse è applicato al capitale residuo del finanziamento scelto dal consumatore con la banca.

Tipologie di ammortamento del mutuo

Vi sono numerosi tipi di piani di ammortamento del mutuo, ma il più adoperato e impiegato nella stragrande maggioranza dei casi nel mercato immobiliare è sicuramente il piano di ammortamento del mutuo alla francese.

All’italiana, ovviamente, nel nostro paese ci si riferisce ad una restituzione dell’intero finanziamento con quote capitali statiche e costanti: ciò che varia, in questo caso, è il tasso di interessi e la correlata quota considerata.

Essendo così dinamica, la quota d’interessi, al ridursi del capitale residuo, è soggetta ad una riduzione costante in funzione di specifici calcoli che chiunque può provvedere a svolgere tramite appositi programmi o rivolgendosi ad un esperto del settore, come per il esempio un commercialista.

Caratteristiche principali dei piani di ammortamento

I piani di ammortamento sono caratterizzate da un sistema di fattori particolari che vengono utilizzati per certificare la legalità e la correttezza dell’operazione economica e finanziaria che si intende effettuare nei confronti della banca o dell’ente agevolante.

In particolare, nei piani di ammortamento sono estremamente importanti i seguenti fattori: il numero delle rate, ognuna delle quali è univoca e viene identificata attraverso una numerazione graduale, progressiva e intera – il complessivo delle rete valutate è finalizzata al rimborso completo del debito; la scadenza, cioè il termine di tutte le rate del mutuo, che in alcuni casi coincidono con precisi giorni del mese o della settimana; il capitale residuo, ovvero il debito da rimborsare alla banca in liquidità, quindi in contanti; l’importo della rata mensile con cui si è indebitati con la banca, divisa, come abbiamo già accennato in precedenza nell’articolo, in quota d’interessi e in quota capitali; la TAN, ovvero il tasso annuo nominale, che corrisponde all’interesse applicato dall’ente agevolante e ha la funzione di calcolare la quota di interessi; e, infine, le spese mensili e gli oneri.

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere