Le uova fanno male al cuore: Nuova ricerca americana

253
le uova fanno male al cuore

I risultati (piuttosto scontati) di una nuova ricerca americana dice che troppe uova fanno male al cuore.

Ah, gli Stati Uniti. Quel meraviglioso posto dove tutto è grande e gli eccessi sono la normalità.

Ed è a causa di questi eccessi che occorre fare studi per capire cosa fa male al nostro organismo e cosa no.
Il detto che dice “Il troppo stroppia” è da sempre realtà, ma gli eccessi, soprattutto in fase di alimentazione, apprestano a diminuire.

e uova fanno male al cuore

Le uova fanno male al cuore: La ricerca

Gli statunitensi consumano in media 280 uova l’anno a persona, dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. E questo è un aumento significativo rispetto a un decennio fa.

Parte del rinnovato interesse deriva dalla consulenza dietetica che abbiamo ricevuto nel 2016.

In quel momento le linee guida alimentari statunitensi hanno smentito un limite raccomandato da lunga data sul colesterolo alimentare. La ricerca è stata quindi recepita come un “ok mangiate tutte le uova che volete”.

Ma un nuovo studio pubblicato sulla rivista medica JAMA riapre un dibattito di lunga data sui rischi legati al consumo eccessivo di colesterolo nella dieta.

“Quello che abbiamo trovato in questo studio è stato che se si consumavano due uova al giorno, c’era un aumento del 27% del rischio di sviluppare malattie cardiache“, dice la ricercatrice Norrina Allen, professore associato presso il Dipartimento di medicina preventiva della Northwestern University.

I ricercatori dietro lo studio JAMA hanno monitorato lo stato di salute di circa 30.000 adulti arruolati in studi a lungo termine. In media, i partecipanti sono stati seguiti per circa 17 anni.

Studi precedenti sono giunti a conclusioni contrastanti. Ma nel complesso, non ci sono prove evidenti del fatto che limitare il consumo di cibi ricchi di colesterolo abbassa la quantità di colesterolo LDL intasato dalle arterie che finisce nel nostro sangue.

Esperti in nutrizione all’Harvard T.H. Chan School of Public Health conclude che il colesterolo e il colesterolo nel sangue sono solo debolmente correlati. Ma Allen dice che “non sappiamo quanto vorremmo su come il colesterolo che consumate nella vostra dieta sia tradotto nel sangue”.

Le controversie

La nuova ricerca è uno studio osservazionale, quindi non dimostra che il colesterolo ha causato l’aumento del rischio di malattie cardiache documentato dai ricercatori. “Queste nuove scoperte forniscono una prova“, dice Allen. Ma è possibile che altri stili di vita o abitudini alimentari possano essere responsabili dell’aumento del rischio.

Una lacuna dello studio è che ai partecipanti è stata fatta una sola volta in merito alle loro diete. Quindi, questa istantanea potrebbe non aver catturato con precisione le loro abitudini alimentari nel tempo. “Speriamo che in studi futuri possiamo esaminare come i cambiamenti nella dieta a lungo termine potrebbero avere un impatto su questo rischio per le malattie cardiache”, dice Allen.

Studi futuri potrebbero anche esplorare come i rischi legati al colesterolo nella dieta possono variare da persona a persona.

“Sono già stati pubblicati molti dati su questo argomento, che in genere mostrano che il consumo di uova da basso a moderato (non più di un uovo al giorno) non è associato ad un aumentato rischio di infarto o ictus”, Frank Hu, un professore di nutrizione ed epidemiologia all’Harvard TH Chan School of Public Health, ha detto in una e-mail.

Hu dice che quando si tratta di mangiare sano, la migliore strategia è concentrarsi su una dieta a tutto tondo che include una varietà di alimenti come frutta, verdura, cereali integrali, noci e semi.

Sherman dice che se hai l’abitudine di mangiare una dieta sana, piena di un sacco di alimenti ricchi di fibre vegetali, allora “le uova sono una parte gradita della dieta”. Basta non esagerare.

Ma i risultati potrebbero riaprire il dibattito sull’opportunità di reintegrare un limite raccomandato di colesterolo nella dieta. Un comitato di esperti è stato nominato quest’anno per iniziare il processo di revisione delle linee guida alimentari statunitensi.

E Allen dice: “Penso che i comitati delle linee guida dovranno prendere in considerazione le prove [da questo studio] quando stanno cercando di capire quale sarebbe una quantità sana o moderata di colesterolo“.

  • Segui la Nostra Sezione su Salute e Benessere CLICCA QUI

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere