Giardinaggio a maggio: quali sono i lavori da fare?

410
Giardinaggio a maggio

Avere un giardino è una grande fortuna, soprattutto quando il tempo è bello e si possono dare feste all’aperto, organizzare cene di mezza estate e passare del tempo nel verde in compagnia. Ma se si vuole poter fare tutto questo, a maggio occorre pensare a tutti i lavori di giardinaggio da fare per preparare l’ambiente alla bella stagione.

Vediamo ora quali sono i lavori da fare nel proprio spazio esterno che non si possono rimandare e vanno fatti prima dell’estate.

Cura del prato e potatura delle piante rampicanti

Il prato è sicuramente l’elemento che più salta all’occhio in un giardino: se è poco curato, tutto ciò che c’è intorno sembrerà trascurato di conseguenza. È importante, quindi, dedicarsi alla cura del prato a maggio, quando le piogge di aprile sono ormai un lontano ricordo e il sole caldo aiuta il terreno ad asciugarsi più in fretta.

Probabilmente il lavoro “grosso” si è già fatto nei mesi precedenti: ora non resta che armarsi di una buona macchina decespugliatrice e pensare alle rifiniture del prato, in modo che abbia un aspetto molto più omogeneo, pulito e curato. È bene ricordarsi che l’erba ricresce in fretta, e questo lavoro va fatto almeno ogni 15 giorni per mantenere sempre la bellezza del giardino.

In parallelo a questo, maggio è anche il momento perfetto per dedicarsi alla potatura delle piante rampicanti, se presenti. Tagliare le estremità più vecchie e pulire i rami più deboli permetterà alla pianta di rinvigorirsi.

Messa a dimora di piante e arbusti

Durante l’inverno è pratica comune far crescere le piante in semenzaio o in vaso, al riparo da temperature troppo fredde che ne impedirebbero lo sviluppo. Maggio è il mese giusto per liberarle e prepararle alla messa a dimora, o direttamente in giardino o in un vaso più grande da esporre all’aperto alla luce del sole.

Scegliere di coltivare delle piante a fioritura estiva in inverno, inoltre, permette in questa stagione di piantarle per avere un giardino colorato e variopinto per tutta l’estate e oltre: la fioritura durerà infatti fino ad autunno inoltrato. Per questo si può optare per piante come petunia, belladonna, ranuncolo e papavero, ma anche begonia, ibisco e la profumatissima lavanda.

Mettere a dimora in giardino non è difficile: basterà creare delle buche sufficientemente profonde e adagiarvi le piantine, coprendole poi con del terriccio concimato.

Protezione dai parassiti

Così come si tratta del mese più fertile per le piante, maggio è anche il momento in cui prestare più attenzione ai parassiti. In questo periodo non sono rari gli attacchi di afidi e cocciniglia, ma c’è da stare attenti anche ai fungini, come ticchiolatura e mal bianco.

Come proteggere le proprie piante da questi parassiti? Ci si può avvalere di antiparassitari come il fungicida e l’insetticida spray, oppure usare rimedi naturali preparati in casa, ad esempio lasciando in infusione delle foglie di ortica per almeno sette giorni in un contenitore pieno d’acqua, e poi spruzzare il risultato in quantità moderate sulle piante a rischio del giardino.

Resta informato sul mondo del GIARDINAGGIO CLICCA QUI

Condividere