Copertura in legno per esterni: Come scegliere trà le varie tipologie

237
copertura in legno per esterni

Particolarmente ricercato e ottimo per la maggior parte delle costruzioni, il legno è molto diffuso nel campo dell’edilizia, in particolar modo nelle soluzione di copertura sia interne che esterne. Il legno, infatti, presenta alcune caratteristiche singolari che nessun altro materiale è in grado di donare alla struttura cui viene accostato, a partire dalla sua armoniosità ed importanza estetica, fino alla sua ottima capacità isolante termica ed acustica.

Si tratta, infatti, di un materiale particolarmente resistente, indicato per edificare strutture portanti e per sostenere scosse sismiche non indifferenti, grazie alla sua capacità elastica singolare.

Ma è il materiale giusto per una copertura da esterno? Contrariamente a quanto si possa immaginare, il legno è uno dei materiali più indicati nelle costruzioni e nelle coperture di esterni, seppur non largamente utilizzato.

Ciò che lo rende particolarmente appropriato, è certamente la sua robustezza e la sua compattezza, che lo rendono indubbiamente più funzionale di una qualsiasi copertura in altro materiale facilmente cedibile o dilatabile, ma non solo.

Il legno per esterni è generalmente trattato adeguatamente, risultando così impermeabile e dunque facilmente resistente all’acqua, ed ignifugo nei confronti delle fiamme, grazie alla sua bassa conducibilità termica.

Ma quale tipologia di legno e di struttura scegliere per la propria copertura da esterno? Analizziamo nel dettaglio le alternative più comuni e più interessanti per rispondere a questo importante quesito.

copertura in legno per giardino

Quale tipologia di copertura in legno per esterni scegliere

Gli steps da valutare con particolare attenzione quando si decide di realizzare una copertura da esterno coi fiocchi, sono principalmente due: la tipologia di legno da scegliere per la realizzazione e la tipologia di struttura da costruire.

Saper scegliere il giusto legno per le proprie esigenze è una delle parti più difficili ma anche più consistenti per il risultato finale dell’opera. Partendo dalla tipologia più eocnomica, il lamellare è certamente uno dei più indicati a basso costo per questa tipo di costruzioni: si tratta, infatti, di un materiale formato da molteplici strati sovrapposti di lamelle di legno, unite grazie ad una colla che regala compattezza e resistenza al risultato.

Una tipologia, invece, poco più costosa è il legno massello, composto dalla sovrapposizione, cioè, di strati più spessi rispetto alla precedente categoria, ma totalmente resistente a crepe, muffe o azione di insetti.

Importante, come abbiamo detto, è poi la posizione la vera e propria struttura che si intende realizzare: nel particolare, le più comuni categoria strutturali di coperture in legno per esterni si suddividono in installazioni ancorate all’abitazione – perlopiù utilizzate quando si vogliono proteggere gli infissi –, oppure installazioni libere, ovvero distanti almeno qualche metro dalle mura casalinghe, ed utilizzate per la accogliere piccoli tavolinetti o per proteggere la propria auto dalle intemperie.

Quali sono i costi delle coperture in legno?

I costi relativi alla realizzazione di tettoie o coperture in legno per esterni sono molto variabili e dipendo da diverse fattori considerevoli, quali: tipologia del legno scelto, dimensioni della struttura, manodopera, tempo impiegato per la realizzazione, posizione della struttura e materiali utilizzati per sostenere la tettoia, ovvero le colonnine.

  • Resta informato sul mondo del GIARDINAGGIO CLICCA QUI

Ti consigliamo questa lettura

Pergole da giardino o tettoie da giardino: Cosa scegliere

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere