Come pulire il cotto: In Casa e all’Esterno

422
pulire il cotto esterno

La pulizia è una parte fondamentale della routine quotidiana e del benessere sia della casa che di sé stessi, ma spesso si può avere a che fare con particolari tipi di pulizie o di materiali che necessitano una maggiore attenzione e cura, o che siano difficili da trattare. È il caso, ad esempio, di uno dei materiali più pregiati e ricercati che è possibile trovare all’interno di molte cucine: il cotto.

Questo tipo di materiale è particolarmente celebre per la sua difficoltà ad essere mantenuto bello e pulito a lungo, in quanto caratterizzato da una grande porosità e dunque destinato ad assorbire facilmente l’unto e lo sporco, a macchiarsi con molta velocità ed a rovinarsi altrettanto velocemente, perdendo così facilmente la sua iniziale bellezza.

Per far sì che ciò non accada e che, dunque, questo tipo di pavimento rimanga a lungo piacevole alla vista e mantenga a lungo il suo pregio, è bene fare molta attenzione alla pulizia di questo materiale, ponendo una grande cura nella costanza e nella velocità. In tal modo sarà possibile far risplendere e mantenere questo tipo di pavimento come nuovo anche all’esterno.

Vediamo come fare.

Come pulire il cotto

Come pulire il cotto

Affinché il cotto rimanga pregiato e mantenga la sua bellezza primordiale, è necessario che la pulizia di quest’ultimo sia rapida e repentina, in modo da evitare la sedimentazione delle macchie più ostinate ed ostiche poi da rimuovere.

È necessario, innanzitutto, mantenere pulito il pavimento in cotto fin dall’inizio, applicando inizialmente un trattamento specifico nei primi mesi della messa in pavimentazione e del suo utilizzo, in modo da renderlo impermeabile e di prevenire futuri problemi; esistono in commercio diverse tipologie di prodotti utili a questa pratica, i quali conferiscono in genere anche maggiore resistenza e supporto, evitando che la superficie risulti notevolmente porosa e migliorando, dunque, le capacità di pulizia.

Per quanto riguarda la vera e propria pulizia di questo materiale, è consigliato – prima del lavaggio – procedere sempre ad un’accurata pulizia della pavimentazione con scopa o aspirapolvere, in modo da rimuovere tutte le tracce di sporcizia anche dalle più piccole fessure e dalle fughe; dopodiché è possibile procedere al lavaggio del pavimento con acqua e detergenti neutri, evitando accuratamente di utilizzare prodotti aggressivi e corrosivi, onde evitare di macchiare e rovinare permanentemente il vostro delicato pavimento.

È consigliato lavare il pavimento almeno due volte, per raccogliere anche lo sporco più nascosto; sarà poi necessario asciugare la pavimentazione con un panno morbido o con un panno di tela.

Pulire il cotto esterno

Il cotto viene largamente utilizzato anche per i rivestimenti di pavimentazioni esterne, proprio per le sue proprietà estremamente resistenti.

Tuttavia, il cotto esposto ad agenti esterni è, certamente, molto più soggetto ad usura ed a macchie permanenti; per arginare questo problema il più possibile, è necessaria anche in questo caso, una corretta pulizia: sulle macchie e sulle parti più rovinate della mattonelle è necessario applicare con una spugna insaponata, una miscela di olio da cucina e bicarbonato ed utilizzarla a mo’ di detergente, sgrassando poi con acqua, aceto e detersivo, dopo circa mezz’ora.

Resta aggiornato sui PAVIMENTI vai alla sezione dedicata CLICCA QUI

Ti suggeriamo queste letture

Pavimento per il terrazzo: La scelta giusta dei materiali

Pavimenti esterni per giardino: Come scegliere?

Robot domestici per pulire al meglio i pavimenti

Articoli Correlati



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5)
Loading...
Condividere